Cereali e Legumi vanno consumati insieme perché si completano a vicenda. I cereali devono essere integrali e in chicco ma devono essere tassativamente ammollati (una tabella con le specifiche è presente tornando nel menù principale)

CEREALI: sono dotatissimi di amido (70%) che nell’organismo è trasformato in glucosio (zuccheri); contengono anche proteine, grassi, ferro ed altri minerali essenziali fra i quali il selenio e vitamine del gruppo B.

cereali1

Il consumo dei cerali e derivati, pane, pasta, farine, ecc., deve essere evitato nelle malattie dello stomaco, stipsi, obesità, ed in quelle della pelle. Sono al contrario utili nei problemi renali, epatici, nell’arteriosclerosi, ipertensione, artrite, enterite. I cereali integrali macinati finemente rendono più dei triturati.
Tutti i chicchi dei cereali (con la loro  buccia) vanno messi in ammollo nell’acqua la sera prima (almeno 7 ore prima) e cotti con quell’acqua il giorno dopo; perché?  nella loro buccia vi è contenuto l’acido fitico che combinato (nel tratto intestinale) con zinco, fosforo,  calcio, ferro, blocca l’assorbimento dei minerali ! una dieta ricca di cereali non messi in ammollo la sera prima, prepara alla decalcificazione delle ossa e varie altre malattie.
Anche l’utilizzo di cereali sbiancati e/o di farine O, integrate con crusca, pur migliorando all’inizio il transito intestinale, crea nel tempo irritazione del colon e carenze di minerali.

L’ammollo dei cereali integrali, permette ai lattobacilli ed altri microrganismi, la neutralizzazione dell’acido fitico e la produzione di enzimi benefici che migliorano il potere nutrizionale cellulare e corporeo.

Durante l’ammollo i lattobacilli iniziano anche a spezzare il glutine e predigeriscono i cereali, rendendoli più disponibili.

Quelli che contengono più glutine sono: frumento, segale, avena, grano saraceno, farro, orzo.

Riso, miglio, mais, aquinoa, amaranto, non ne contengono e sono per questo più facilmente digeribili

I LEGUMI sono molto nutrienti, ricchi di proteine ed ancor più di amminoacidi essenziali, che non sono sufficientemente presenti nei cereali. Vanno preferibilmente utilizzati quelli di stagione e del luogo ove si vive.

Legumi

Quelli verdi contengono i componenti della carne (20-25 % di protidi), glicidi, sostanze zuccherine, vitamine (A, B1, B2, PP, ecc.) sali minerali (ferro, potassio, sodio, fosforo, ecc.) e sono esenti delle tossine della carne degli animali.
Le prostaglandine dei legumi potenziano la muscolatura, la circolazione del sangue e la fertilità.

I legumi, sono prodotti contenenti le famose “proteine nobili”, al contrario della  carne che oltre alle nobili contengono anche prioni (proteine tossiche).
Quelli secchi sono ricchi di vitamine ed enzimi; se tenuti in ammollo in poca acqua a temperatura ambiente, per  2 o 3 giorni, si arricchiscono  di vitamine del complesso B e C e di enzimi per l’inizio della germinazione.